Ambra e Massimiliano Allegri, ecco perché in psicologia abbracciare è meglio che baciare

Ambra e Massimiliano Allegri, ecco perché in psicologia abbracciare è meglio che baciare

L’abbraccio rassicura, dà importanza e, soprattutto, conquista le donne.

 

E’ la lettura di Ferragosto, copertina del settimanale Vanity Fair. Una storia d’amore improvvisa,  vissuta tutto sommato in privato e riportata a galla nel pieno dell’estate con una sintesi semplice ma definitiva: «È arrivato l’unico uomo nella vita che sia stato capace di abbracciarmi senza stringermi”. Non importa che si tratti di Ambra Angiolini e dell’uomo sempre in giacca e cravatta Massimiliano Allegri (o forse sì?); sicuramente importa che siano parole di una donna e che rappresentino un messaggio molto chiaro agli uomini: se volete conquistare, abbracciate.

 

COS’E’ UN ABBRACCIO

Un abbraccio è l’incontro primitivo dell’essere umano, l’esperienza originale della relazione tra genitori e figli e, quindi, la base della misura di tutte le relazioni future.

Nella stretta tra due individui si perfeziona l’appartenenza reciproca, si salda il rapporto, si dà importanza all’altro nella forma più lampante d’amore; con un abbraccio ci facciamo sentire, ma è importante - come non a caso sottolinea la stessa Angiolini - non stringere troppo: solo così si comunica l’esserci senza imporsi.

 

IL BACIO

All’altro polo delle manifestazioni dei sentimenti, il bacio ha tanti significati quanti ne sono le tipologie. Quello sulle labbra così detto “a stampo”, ad esempio, è poco più di un cliché culturale e di estrazione occidentale; può essere dato o ricevuto come una coccola, ma attenzione a non eccedere: comunica poco, spesso è istintivo o abituale e per questo distratto, al punto che a volte può provocare fastidio se diventa l’unico scambio di effusioni in una giornata. Ancora una volta, è la donna a soffrirne.

Parlando, invece, del bacio alla francese, è qui che si gioca la vera diatriba con l’abbraccio: le due effusioni sono, infatti agli antipodi in termini di senso, portata del messaggio trasmesso e investimento emotivo.

Il bacio alla francese è fondamentalmente un gioco, un grande preliminare che se per l’uomo ha portata erotica, per la donna è quasi sempre una sentinella dell’intesa potenziale. Nel bacio, in questo tipo di bacio, c’è l’eco dell’attrazione sessuale e del desiderio: fondamentale nell’incontro, decisamente meno nella costruzione della relazione duratura.

 

ALLE DONNE PIACCIONO GLI ABBRACCI

Se l’obiettivo è una relazione, breve o duratura, da testare o sognata, una prassi di abbracci a quanto di più ambito da una donna.

Contrariamente a quanto si crede, infatti, in un abbraccio si realizza il massimo del contatto fisico, non fosse altro perché sono interessate ampie zone del corpo, e si attivano una serie di meccanismi neurologici molto più complessi di quelli che scaturiscono da un bacio: si stimola la produzione di emoglobina che trasporta l’ossigeno ai tessuti; si riduce il rischio di depressioni (una patologia più femminile che maschile) grazie al rilascio dell’ossitocina, l’umore del buonumore; si favoriscono i ricordi grazie alla maggiore impressione data dall’atto fisico e si combatte l’ansia grazie alla stimolazione della produzione di endorfine.

 

BACIARE ABBRACCIANDO

Per queste ragioni fisico-chimiche, ma anche per l’enorme portata di rassicurazione e contenimento, una donna è particolarmente sensibile all’abbraccio. Ma una relazione che punti al massimo di soddisfazione per lei e per lui mette insieme l’aspetto affettivo con quello passionale. La soluzione: quanto più spesso possibile baciare abbracciando. Solo così testa e corpo, maschile e femminile, avranno una loro propria, totale, soddisfazione.

Michelle Castenetto
michelle.castenetto@gmail.com
No Comments

Post A Comment